Gnocchi con crema di piselli e pancetta - Scoutmenu

Gnocchi con crema di piselli e pancetta

Gnocchi con crema di piselli e pancetta: un piatto che sa d'estate da preparare in pochi minuti!

Ersilia Cacace 05/05/2023 0

Gnocchi con crema di piselli e pancetta: un piatto che solo a pensarlo sa d'estate! Inoltre è anche facilissimo da preparare!

Un piatto che conquisterà sicurament ela vostra famiglia e i vostri commensali, grazie alla sua semplicità e al suo sapore irresistibile!

É una ricetta ideale per questo periodo dell'anno, visto che si può approfittare anche della stagionalità dei piselli: è infatti in questo periodo che è possibile trovare i piselli freschi dal vostro fruttivendolo di fiducia o al mercato ortofrutticolo! Il sapore dei piselli freschi è indubbiamente superiore a quello dei piselli surgelati, ma nel caso voleste realizzare questa ricetta in un periodo diverso da quello primaverile, nessun problema! Basta prendere i piselli surgelati in un qualsiasi supermercato.

Per preparare questo primo piatto vi basteranno pochi e semplici ingredienti: gli gnocchi, quelli di grano duro, non quelli di patate, rotondi, a cui si è soliti pensare: questi simpatici gnocchetti li troverete facilmente nel reparto della pasta in un qualunque supermercato.

La crema di piselli, come dicevamo, realizzabile con piselli freschi se di stagione o surgelati; infine la pancetta, preferibilmente quella tesa da prendere al banco salumeria o al banco frigo (o ancor meglio, un bel pezzodi pancetta tesa paesana se avete la fortuna di vivere in un luogo dove queste specialità vengono prodotte artigianalmente).

Condividete la ricetta per non perderla, o se siete old style armatevi di carta e penna e segnate ingredienti e procedimento! 

GNOCCHI CON CREMA DI PISELLI E PANCETTA: INGREDIENTI

Queste dosi sono ideali per due persone:

200 g di pasta
80 g di pancetta
350 g di piselli freschi (se non di stagione, usare quelli surgelati)
1 scalogno o cipolla
50 g di Parmigiano Reggiano o Grana Padano
Olio evo q.b

GNOCCHI CON CREMA DI PISELLI E PANCETTA: PROCEDIMENTO

Prendiamo una padella antiaderente e facciamo scaldare un paio di cucchiai di olio.

Tritiamo finemente lo scalogno o la cipolla, la aggiungiamo all'olio caldo e lo lasciamo dorare per qualche minuto, stando attenti a non farlo bruciare. Non appena lo scalogno risulterà dorato, aggiungiamo i piselli lasciando che si insaporiscano per qualche istante, poi aggiungiamo un bicchiere d’acqua.

A questo punto copriamo la padella con un coperchio e lasciamo cuocere per circa 15 minuti: stiamo attenti a controllare la cottura, nel caso possa servire dell’altra acqua per continuare la cottura dei piselli. Alla fine della cottura dovrà esserci ancora acqua nella padella perché ci servirà a rendere la crema ancora più liscia ed omogenea. 

Una volta cotti, prendiamo i piselli, accendiamo il frullatore e procediamo a realizzare la nostra crema di piselli.

Adesso procediamo a tagliare la pancetta a listarelle, riscaldiamo una padella e la mettiamo a rosolare (senza aggiunta di olio o altri tipi di grassi) fino a quando non risulterà croccante, ma stando attenti a non bruciarla.

È il momento di cuocere la pasta! In una pentola portate a bollore abbondante acqua salata e caliamo la pasta. Ricordiamoci di scolarla ancora al dente; a quel punto la aggiungiamo nella padella con la pancetta per qualche istante in modo che si insaporisca per bene.

È arrivato infine il momento di aggiungere la crema di piselli, insieme ad abbondante acqua di cottura della pasta: mantechiamo fino a quando l’acqua non si sarà amalgamata con la crema di piselli, diventando ancora più cremosa.

Una volta spenta la fiamma, aggiungiamo il parmigiano, mescolate ancora qualche istante e poi impiattiamo immediatamente per goderci questa leccornia!

Trovate questa e tante altre golose ricette nella nostra sezione BLOG!

Alla prossima ricetta!

Ersilia Cacace

(Foto credit: @macchefood)

Potrebbero interessarti anche...

Ersilia Cacace 12/01/2021

Mafalde ragù e ricotta: la ricetta

Mafalde ragù e ricotta: un piatto della tradizione natalizia campana, apprezzato però 365 giorni all'anno!

Mafalde, manfredi, reginette. svariati sono i nomi per definire questa simpatica pasta lunga, abbastanza larga di falda e dai ricci bordi, che meglio trattengono sia il ragù che la ricotta. Inoltte, c'è chi preferisce mescolare la ricotta col sugo ancora ben caldo per crearne una cremina, una specie di emulsione; chi invece serve con abbondante ragù e pone a centro tavola la ricotta, prettamente romana, per potersi servire a suo libero piacimento.

Noi vi proponiamo la ricetta con l'emulsione di ragù e ricotta, che regala un sugo dal color roseo così come si vede in foto! Passiamo subito alla ricetta e al procedimento!

 

INGREDIENTI per circa 4 persone

- per la ricetta del ragù napoletano cliccate QUI 

- 400g di mafalde

- 300g di ricotta romana (di pecora)

 

MAFALDE RAGU' E RICOTTA: PROCEDIMENTO

Ovviamente, prima di preparare questopiatto bisogna fare come primo passaggio quello della preparazione del ragù, che potrete fare anche il giorno prima, in modo tale che sia ancora più saporito nel momento in cui lo utilizzerete per condire la pasta.

Preparate una pentola con abbondante acqua salata: al momento di ebollizione caleremo le nostre mafalde e attenderemo il tempo di cottura, stando attenti a scolarle un minuto prima in modo tale che non vadano a scuocere quando le mantecheremo col nostro sugo.

Intanto riscaldiamo il ragù fino a renderlo bollente, prendiamo la ricotta e la poniamo in un pentolino, aggiungendo qualche mescolo di ragù inizieremo a mescolare finchè non si crea un bel sugo denso e dal colore roseo; aggiungiamo sugo finchè non otterremo questo risultato.

Scoliamo la pasta e la poniano in una zuppiera, aggiungendo il nostro composto di ragù e ricotta, mescolando finchè la pasta non si sarà ben amalgamata. Se preferite, potrete aggiungere del parmigiano grattugiato su ogni piatto prima di servirlo!

Se la nostra ricetta vi è piaciuta, vi basta visitare il nostro BLOG per altre golose ricette!

 

Ersilia Cacace

 

Leggi tutto

Ersilia Cacace 07/01/2022

Gnocchi con crema di parmigiano, funghi porcini e speck: la ricetta

Gnocchi con crema di parmigiano, funghi porcini e speck: una ricetta semplice e veloce che vi aiuterà a svuotare il frigo dopo le feste, senza sensi di colpa nel dover buttare via il cibo non consumato!

Si sa, per le feste natalizie quasi sempre si acquista una quantità di cibo di gran lunga maggiore rispetto a ciò che realmente ci servirebbe per preparare i pranzi e le cene delle festività. 

Anche perché in tutte le regioni i piatti della tradizione sono quelli prediletti, quindi bene o male si sa già anticipatamente di cosa avremo bisogno per preparare ilpranzo di Natale piuttosto che la cena della vigilia di Capodanno.

Eppure in noi italiani, soprattutto del sud, c'è quella spasmodica necessità di non dover far mancare mai nulla a tavola, nè alla nostra credenza o al frigo, comprando anche cibo che nulla o ben poco ha a che vedere con la gastronomia natalizia.

In molti, soprattutto negli ultimi anni, si dilettano a preparare anche pietanze proprie di altre festività (basti pensare alla famosa pastiera napoletana, che ormai regna sulle tavole campane anche a Natale nonostante sia un dolce pasquale).

COsì succede che, tra un cappone e fasci di minestra, tra cappelletti e mafalde al ragù, ci ritroviamo il 7 Gennaio a fare i conti con un frigo ancora strapieno di prodotti, pietanze, verdure che aspettano in coda di essere consumate previa scadenza.

Per fortuna ci siamo noi a suggerirvi qualche ricetta svuota frigo, così da non dover arrivare a cestinare prodotti che comunque nel totale della spesa vi saranno costati non poco!

Per chi ha pensato a grandi antipasti di salumi e formaggi, e ovviamente adesso si ritrova con tanti rimasugli in frigo da consumare, abbiamo la ricetta ideale: gnocchi con crema di parmigiano, funghi porcini e speck!

Pronti a realizzarla? Salvate l'articolo o condividetelo sui social o con i vostri amici per non perderla di vista!

 

Gnocchi con crema di parmigiano, funghi porcini e speck: gli ingredienti

Per 4 persone:

- 500g di gnocchi

- sale q.b.

- 500g di funghi porcini

- olio extra vergine d'oliva

- 30g di burro

- 1 spicchio d'aglio

- vino bianco secco

- sale fino

- pepe nero

- 300g di speck

- prezzemolo

Per la crema di Parmigiano:

- 250ml di latte intero

- 100g di Parmigiano Reggiano grattugiato

- 25g di burro

- 25g di farina 00

 

 

 

Gnocchi con crema di parmigiano, funghi porcini e speck: preparazione 

Innanzitutto prendiamo una padella antiaderente, mettiamo a scaldare l'olio insieme al burro e lo lavoriamo finchè non sarà completamente sciolto. 

Aggiungiamo l'aglio e lo facciamo abbronzare, eliminandolo poi dalla padella appena sarà dorato. A questo punto aggiungiamo i funghi sfumandoli con un bicchiere di vino bianco.

Facciamo sfumare tenendo il fuoco basso, aggiungiamo sale e pepe, e intanto prepariamo la crema di Parmigiano.

In un pentolino aggiungiamo il latte e lo facciamos caldare, senza farlo bollire; facciamo scioglier eil burro in un altro pentolino e quando sarà sciolto aggiungiamo a pioggia la farina setacciata un po' per volta, mescolando con la frusta per evitare che si formino grumi.

A questo punto aggiungiamo il latte caldo a filo, tenendo ilf uoco basso; facciamo cuocere finchè non avrà assunto una consistenza liscia e cremosa.

In ultimo aggiungiamo il Parmigiano Reggiano grattugiato a pioggia, continuando a mescolare. La vostra crema è pronta!

Passiamo adesso allo speck: tagliamolo a listarelle e lo mettiamo in una padella con un filo d'olio per farlo diventare croccante; intanto mettiamo a bollire l'acqua per gli gnocchi.

Una volta pronti gli gnocchi, li aggiungiamo alla padella dove abbiamo cotto i funghi, aggiungendo poi la crema di Parmigiano, mescoliamo il tutto e terminiamo la cottura. Il piatto è pronto! Lo terminiamo decorando con prezzemolo e speck.

Per altre gustose ricette visita la nostra sezione BLOG!

 

Ersilia Cacace

 

(photo credit @macchefood Rosa Casalino)

 

 

 

 

Leggi tutto

Ersilia Cacace 06/04/2022

Mezze maniche rigate alla carbonara

Oggi 6 aprile ricorre il #carbonaraday, il giorno in cui si celebra la carbonara, uno dei primi piatti più amati dagli italiani!

E noi non possiamo mancare di celebrarlo presentandovi una ricetta un po' più originale, che si discosta dalla classica per diverse ragioni.

In primis come nasce la famosa ricetta della carbonara? Sulla nascita di questo gustosissimo piatto ruotano diversi miti e leggende, tutti con un probabile fondo di verità. Innanzitutto, dobbiamo abbandonare la preistorica idea che il piatto sia stato ideato da pastori (o carbonai) così come solitamente si racconta.

Preferiamo attenerci piuttosto ai ricettari storici, un esempio su tutti quello del napoletano Vincenzo Corrado che nel 1773 parlava di un piatto di pasta realizzato con uova, seguito dal ricettario del conterraneo Ippolito Cavalcanti. Un passo in avamti lo facciamo con Francesco Palma, che non parla più di solo uova bensì anche di "cacio" da unire alla pasta per la preparazione della golosa ricetta.

Tante altre e diverse sono le citazioni di questo piatto non solo nel napoletano ma in tutta Italia, così come diverse sono le versioni in cui è possibile assaggiarla lungo lo stivale. Sia chiaro che la versione per così dire "ufficiale" è quella che ripropongono e difendono fieramente le più caratteristiche trattorie romane, ma che sanno dignitosamente replicare tantissimi ristoranti sia del nord che del sud italia.

La versione classica prevede addirittura la pasta lunga fatta a mano, così come la vediamo fare dalle simpatiche massaie alle porte di diversi ristorantini tipici nella capitale, i cosiddetti tonnarelli. C'è chi poi preferisce una versione "light" (se così si può definire, visto comunque l'alto contenuto calorico anche di questa versione): pancetta al posto del guanciale, e uovo intero al posto del solo tuorlo.

Oggi la nostra proposta è fedele alla ricetta originale, ma abbiamo scelto di proporvi una pasta corta rigata, che meglio trttene tutta la squisita carbo-cremina (quella che viene realizzata con tuorlo e pecorino grattugiato). Siete pronti per iniziare? Prendete carta e penna o meglio ancora condividete la ricetta con chi amate tramite le social app!

MEZZE MANICHE RIGATE ALLA CARBONARA: INGREDIENTI

- 400g di mezze maniche rigate

- 200g di guanciale

- 4 tuorli

- 50g di pecorino grattugiato

- sale q.b.

- pepe q.b.

MEZZE MANICHE RIGATE ALLA CARBONARA: PROCEDIMENTO

Iniziamo subito mettendo a bollire l'acqua per la cottura della pasta, mentre prepareremo la nostra cremina dorata fatta di uovo e pecorino.

In una ciotola rompiamo i quattro tuorli e ci aggiungiamo il pecorino grattugiato un poco per volta aiutandoci con una frusta, per evitare che si formino grumi.

Intanto in un padellino agigungiamo un filo d'olio e mettiamo a rosolare il guanciale tagliato a strisce sottili. Quando sarà bello scuro e croccante, lo alziamo e lo poniamo da parte, mentre non getteremo via il grasso che avrà rilasciato nel padellino per unirlo successivamente alla crema.

Caliamo la pasta e attendiamo un paio di minuti in meno rispetto al tempo di cottura indicato per scolarla bella al dente.

Prendiamo nuovamente la padella in cui abbiamo "tostato" il guanciale, ci aggiungiamo la pasta scolata al dente e la crema a cui avremo unito il grasso del guanciale, mescolando a fuoco spento. In ultimo uniamo le striscette di guanciale, tenendone da parte qualcuna per la guarnizione finale.

Il fuoco va tenuto spento per evitare che l'uovo possa cuocere durante la mantecatura!

Impiattiamo la nostra carbonara e aggiungiamo il guanciale e una manciata di pecorino grattugiato per guarnire!

Fateci sapere se la ricetta vi è piaciuta! Intanto potete visitare il nostro BLOG per leggere tutte le altre ricette dolci e salate!

Ersilia Cacace 

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...